Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena

Il parco nazionale dell’arcipelago della maddalena è stato istituito nel 1994, primo in Sardegna, si estende su terra e mare per oltre 20 mila ettari.

Nel tratto di mare tra Sardegna e Corsica noto come Bocche di Bonifacio, si trova una galassia di isole e isolotti avvolti dal mare turchese, uno dei paesaggi più suggestivi del mondo.

Il parco abbraccia 180 chilometri di coste, comprendendo oltre 60 isole, grandi e piccole, granitiche e scistose, modellate da vento e correnti.

Spiccano le isole: Budelli, Caprera, Razzoli, Santa Maria, Santo Stefano e Spargi, mete di indimenticabili tour in barca partendo da Baja Sardinia, La Maddalena, Palau e Santa Teresa Gallura.

Le insenature offrono una miriade di approdi e spiagge, dai colori unici di un mare cristallino esmeraldo, le rocce appaiono plasmate come monumenti naturali e i fondali un paradiso per gli amanti del sub.

Il parco rientra nella rete europea delle aree di eccellenza ambientale ed è estremamente salvaguardato: diporto, pesca, immersioni sono consentite ma devono essere autorizzate.

Nel parco il pesaggio offre mgliaia di specie vegetali, circa 50 endemiche, altre rarissime. Altrettanto degna di nota la fauna che si conserva in un ambiente protetto e tutelato.

La spiaggia Rosa di Budelli, deriva dai sedimenti di un piccolo organismo che aderisce a conchiglie, alghe, coralli e gusci. Caratteristica è la pinna nobilis, il più grande mollusco bivalve del Mediterraneo, mentre il delfino tursiope è il cetaceo più comune, per nulla raro avvistarne gruppi persino di trenta esemplari.

Nel parco un altro abitante comune da incontrare è anche la tartaruga caretta caretta. Tra i volatili dominano invece il gabbiano corso e il marangone dal ciuffo.

Oltre all’agglomerato di Stagnali a Caprera, sede dei centri di educazione ambientale e di ricerca sui cetacei e dei musei mineralogico e del Mare, che espongono minerali, fossili, sabbie, conchiglie, flora e fauna, l’unico centro abitato dell’arcipelago è La Maddalena, fondata nel 1770 e a lungo base della Marina, di cui è testimone il museo Nino Lamboglia.

Fra le sue spiagge di acque limpide​ e sabbia fine da non perdere, Bassa Trinita, le cale Francese e Lunga, Monti d’a Rena, Punta Tegge e Spalmatore.

L’arcipelago per la sua posizione strategica attrasse Napoleone Bonaparte e l’ammiraglio Nelson, mentre Garibaldi, l’eroe dei due mondi,visse a Caprera i suoi ultimi 26 anni.